home | centro di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale
via Mentana 2
40126 Bologna
Tel. 051.231313
Fax. 051.6561934
scrivici una mail
mail 
IL CENTRO PROGETTI RISORSE EDITORIA UNIVERSITA' LINK MAPPA
 
 
7 ottobre 2017
G7 Italia, la cooperazione alla sfida della trasformazione digitale del lavoro
Gardini «Governo apra agenda 4.0 a cooperative e Pmi»



Venerdì 29 settembre 2017 alle ore 9.00 a Milano, su richiesta della Presidenza del Consiglio Italiana, l'Alleanza delle Cooperative Italiane ha organizzato l'evento "La cooperazione nella trasformazione digitale del lavoro: tra innovazione e resilienza". L'iniziativa, è stata promossa nell'ambito delle attività ufficiali collaterali al G7 Welfare e della "Innovation Week" di Torino, che ha visto i Ministri del Lavoro, dell'Istruzione e dello Sviluppo economico dei paesi del G7, affrontare i temi legati all'innovazione, allo sviluppo, alle necessità formative e al lavoro che cambia. L’evento, realizzato con il patrocinio della Presidenza Italiana del G7 e in partnership con il Ministero del Lavoro, aveva l’obbiettivo di approfondire i cambiamenti prodotti nel mondo del lavoro dalle innovazioni tecnologiche anche in relazione al modello cooperativo visto come possibile strumento di mitigazione dei processi di flessibilità dei lavoratori digitali e inteso come strumento di un più equo e inclusivo sviluppo dell'economia digitale. 
L’integrazione economica globale, strettamente legata ai progressi tecnologici e soprattutto alla rivoluzione digitale, ha negli ultimi anni aumentato la concorrenza e le disuguaglianze economiche. Inoltre, la rivoluzione digitale sta causando la rapida sostituzione in tutti i settori dei lavoratori con macchine automatizzate. Per questo oggi, in un’economia di transizione digitale, è necessario un nuovo e più avanzato equilibrio tra capitale e occupazione. Ciò non significa ignorare l’innovazione tecnologica, che deve essere utilizzata correttamente per servire gli esseri umani, consentendo la condivisione più ampia e più democratica dei benefici che ne derivano. Questo apre uno spazio che può rappresentare un’opportunità per diffondere la cultura cooperativa e le piattaforme digitali cooperative a proprietà condivisa tra prosumer. Nella sessione plenaria dopo i saluti  di Mauro Lusetti ed alla relazione di Maurizio Gardini “Sulla cooperazione nell’era della piattaforma”, rispettivamente copresidente e presidente dell'Alleanza delle cooperative Italiane, è seguita la lectio magistralis, “Commons, Cooperation, and Cooperativism in 21st Century market societies” di Yochai Benkler della Harvard University.  Sono poi stati presentati tre panel tematici, con ulteriori ospiti internazionali. Il primo dedicato a “Nuove tecnologie nelle filiere cooperative” ha presentato alcune esperienze italiane. Il secondo panel, dedicato a “Lavori precari e cooperazione stabile”, è stato aperto dalla relazione di Trebor Scholtz. Sempre più il mercato del lavoro si sta muovendo in direzione di una transizione con meno lavoro stabile, più automazione (robotizzazione) e più precariato (lavori a richiesta), riducendo di conseguenza gli spazi dei diritti e della dignità dei lavoratori. In questo panorama il panel si chiederà quale ruolo possibile per una nuova cooperazione di lavoro che attraverso la tecnologia digitale coniughi flessibilità e diritti. Per un modello di autogestione cooperativa dei big data” è il tema del terzo e ultimo panel, aperto dalla relazione di Hernst Hafen. Sempre più la nostra vita quotidiana è influenzata e modificata dall’uso dei Big Data: la mobilità, la sanità, il lavoro, l’energia, il consumo, l’ambiente, etc. Ma il valore che viene estratto dall’uso dei Big Data da noi prodotti nell’interazione con la rete e con gli oggetti digitali, viene estratto e va tutto in direzione di pochi soggetti proprietari delle tecnologie. Creando in prospettiva anche un allarmante deficit di democrazia. Al termine dei lavori la parola è passata per le conclusioni al ministro del Lavoro Giuliano Poletti che ha fra l'altro affermato: “le transizioni legate all’innovazione vanno governate e non subite. Le cooperative hanno nel Dna una marcia in più per riuscire a dare risposte economiche e sociali alle sfide del cambiamento”.

Segue la sintesi della relazione del presidente dell’Alleanza Cooperative Maurizio Gardini “La cooperazione nella trasformazione digitale del lavoro”.

«In questo unico evento “parallelo” al G7 in svolgimento a Venaria affrontiamo il tema della rivoluzione digitale». Il rapporto tra cooperative e “agenda 4.0”. Utili e persone vadano di pari passo. Sì all’innovazione senza danneggiare occupazione «Le cooperative nascono per rispondere ai bisogni delle comunità, creare lavoro buono e di qualità. Utili e persone occupate devono andare di pari passo. Non si possono sacrificare le persone sull’altare del profitto nel nome della digitalizzazione. La nostra posizione è si all’innovazione che crea occupazione». Le cooperative davanti all’innovazione. Da dove partiamo? «Nel mondo 3 milioni di cooperative danno lavoro a 280 milioni di persone: il 10% del totale degli occupati. Le 300 più grandi cooperative hanno un fatturato di 2.500 miliardi di dollari. Se fossero riunite in un paese sarebbero la settima potenza mondiale. Il movimento cooperativo in Italia conta oltre 13 milioni di soci e 1,3 milioni di occupati, di cui il 52,8% è donna. Realizza un fatturato di 161 miliardi di Euro. L’Alleanza delle Cooperative italiane ne rappresenta oltre il 93% per fatturato e l’85% per occupazione. Questi numeri non vogliono celebrare la cooperazione, ma evidenziare che le cooperative sono da sempre anticipatrici di futuro. Il nostro sistema imprenditoriale non avrebbe oltre 160 anni di storia se non avesse avuto la capacità di innovarsi e di anticipare l’innovazione: nel credito, nell’agroalimentare, nel consumo, nel sociale, nel lavoro, nella pesca, nell’abitazione, nella cultura». Il lavoro che cambia e la formazione: bene governo su credito imposta in formazione «Alcuni settori saranno più esposti alla riduzione di lavoratori sostituiti dall’automazione. In Italia, si stima che nei prossimi 15 anni saranno circa il 15% della forza lavoro, per oltre 3 milioni di lavoratori in agricoltura, nel commercio e nella manifattura. I lavoratori più qualificati saranno meno esposti. Questo ci deve portare a un investimento straordinario nella formazione e nell’istruzione. In Italia, solo l’8,3% dei lavoratori sono impegnati in programmi di formazione permanente, al di sotto della media europea 10,8%. Formare non è una spesa, ma un investimento sul futuro. L’Alleanza Cooperative Italiane attraverso Foncoop, strumento unitario, nell’ultimo anno ha investito in formazione 31 milioni di euro che hanno interessato poco meno di 100.000 lavoratori. Fa bene il governo a proporre il credito d’imposta per le attività formative sulle nuove tecnologie nella prossima legge di bilancio». Come cambieranno i rapporti di lavoro: Nuova governance e partecipazione lavoratori «I nuovi lavori (gig work) saranno sempre più intermittenti, precari. La discontinuità dei rapporti di lavoro comporterà la necessità di prestazioni sociali, pubbliche e non solo: dalla portabilità della previdenza complementare, alla necessità di non perdere forme di sanità integrativa. Le imprese dovranno puntare sempre più sul coinvolgimento dei lavoratori nella gestione dell’impresa. Sui nuovi assetti di governance e di gestione del lavoro l’impresa cooperativa offre modelli, migliorabili, ma ampiamente collaudati e replicabili». Proposte della Cooperazione 4.0 per il lavoro e l’impresa: alcuni suggerimenti per il lavoro che cambia «L’alternanza scuola-lavoro è appena agli inizi (e siamo già in enorme ritardo), ma anche la pratica dei tirocini universitari è recente e ancora da mettere a regime. È tempo di dar vita a politiche attive per il lavoro con soggetti in concorrenza, valutati e premiati sul risultato anche attraverso un sano ed equilibrato partenariato pubblico-privato che sia valutato e premiato sulla base dei risultati. Il modo migliore per tutelare le transizioni nel mercato del lavoro passa attraverso una stretta connessione tra politiche attive e ammortizzatori sociali. Bisogna potenziare e mirare la formazione continua secondo le esigenze delle imprese privilegiando quelle di non breve termine. Questo tema va esteso anche alle iniziative di autoimprenditorialità per implementare le competenze necessarie. Va messo poi in campo uno sforzo ancora maggiore sui temi dell’alfabetizzazione digitale secondo noi sottovalutata». “Industria 4.0”: Governo apra la cabina di regia all’Alleanza Cooperative Italiane «In Italia come nel mondo, la digitalizzazione dei processi produttivi non è quindi solo “Industria 4.0”, ma anche “Cooperazione 4.0”. Richiamiamo l’esigenza che il piano italiano sia aperto, nella sua cabina di regia e non solo formalmente, anche all’Alleanza delle cooperative italiane. Dedicare un programma del governo alle imprese di dimensioni medio – grandi che premia gli investimenti di grandi dimensioni accentuerebbe la polarizzazione tra poche grandi imprese e l’ossatura imprenditoriale delle pmi italiane». Considerazioni finali «L’innovazione deve essere al servizio delle imprese, del lavoro e dei cittadini, e non il contrario. È così che si continua a lavorare per un futuro più solido e coeso, per rilanciare l’economia, ma soprattutto per concorrere a determinare il bene comune».

- Innovazione Welfare 4.0 (220 KB)
- Innovazione Agricoltura 4.0 (141 KB)
- Innovazione Lavoro 4.0 (239 KB)
- Relazione Mauro Lusetti (26 KB)
- Invito (117 KB)
- Programma (716 KB)
 
BACK TO NEWS
IL CENTRO HOMEPAGE