home | centro di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale
via Mentana 2
40126 Bologna
Tel. 051.231313
Fax. 051.6561934
scrivici una mail
mail 
IL CENTRO PROGETTI RISORSE NEWS EDITORIA UNIVERSITA' LINK MAPPA

Home > Oltre i confini > Europa > Paesi Membri > Danimarca

«

pagina precedente

 Danimarca

Gli inizi del movimento cooperativo in Danimarca risalgono al periodo che va dal 1850 al 1860, quando emersero le prime cooperative agricole, di consumo, di credito e di produzione lavoro; la prima società in assoluto fu fondata nel 1851. Tutte queste associazioni si sono estese nel corso degli anni producendo una solida rete di produzione agricola, così come un sistema di coop di consumo e di produzione lavoro. Una caratteristica unica del movimento Danese è il fatto che non sia stata adottata alcuna legislazione volta a dare statuto legale alle cooperative. Esse sono, infatti, tutelate dalle stesse leggi che coprono altre forme di imprese, e molti soci cooperatori Danesi fanno di questa unicità una questione di orgoglio. L’agricoltura Danese si è sviluppata sotto forme cooperative, ma, come in altri paesi industrializzati, la sua organizzazione è andata concentrandosi in poche importanti imprese commerciali, ed il numero di cooperative agricole locali e di soci è diminuito a seguito della transizione ad una popolazione più urbanizzata. ( Per fare un esempio le 1400 cooperative casearie Danesi del 1935 si sono ridotte a 42 nel 1992). Gli interessi delle cooperative e la loro posizione di rilievo nel settore agricolo sono rappresentati da 21 federazioni nazionali settoriali o di servizio. Le cooperative di consumatori costituiscono il settore più esteso in Danimarca –683 società locali con 1.200.000 soci nel 1993 ( approssimativamente un quarto della popolazione Danese). Le cooperative di abitazione (721 nel 1993) hanno fornito casa a più di 400.000 famiglie, coprendo oltre il 18% delle unità abitative dell’intera nazione. Ci sono anche reti di cooperative ben stabilizzate nei settori bancario e delle assicurazioni. L’Unione Centrale Società Cooperative Urbane mantiene stretti rapporti con i movimenti sindacali e con il partito Social-democratico. Esso include tra i suoi associati molte cooperative di servizi pubblici e di produzione lavoro ed ha tentato fortemente di stabilire per le cooperative un ruolo di maggiore influenza in tutti gli aspetti dell’economia danese. L’altra e precedente (1899) organizzazione cooperativa nazionale è la Commissione Centrale Cooperative di Danimarca ed include tutti i settori del movimento. Nel 1998 un rapporto statistico dell’ICA registrò la presenza di 1.445 cooperative in Danimarca con 1.797.067 soci (il 34,2% della popolazione) così divisi nei seguenti settori: agricolo—65/113.000; consumo—526/1.226.867; abitazione—695/400.000 (unità nel 1993); bancario—41/52.000 e produzione lavoro—115/5.200. Esistevano anche 3 cooperative di assicurazione. Nel 1986 fu fondato il Centro Cooperativo Danese per rappresentare gli interessi delle cooperative Danesi nel fornire assistenza al movimento nei paesi in via di sviluppo.
 
Fonte:
Jack Shaffer, Historical Dictionary of the Cooperative Movement, The Scarecrow Press, Inc. Lanham, Md., & London 1999.


pagina per la stampa

HOMEPAGE IL CENTRO