home | centro di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale
via Mentana 2
40126 Bologna
Tel. 051.231313
Fax. 051.6561934
scrivici una mail
mail 
IL CENTRO PROGETTI RISORSE NEWS EDITORIA UNIVERSITA' LINK MAPPA

Home > Strutture > Imprese cooperative > Servizi vari > M.AR.C.A.

«

pagina precedente

 Il Consorzio La M.AR.C.A. (Musei Arte Cultura Ambiente)

Il Consorzio "La Marca-Musei, Arte, Cultura, Ambiente" venne creato nell' aprile 1997 per la realizzazione del progetto Museo Diffuso, come soggetto imprenditoriale composto da cooperative marchigiane che operavano da anni nel settore dei servizi culturali e ambientali (reti museali, centri di educazione ambientale, strutture ricettive, parchi naturalistici).
 
Il Consorzio raggruppa attualmente sette cooperative di gestione museale e tre di gestione turistico-ambientale (Arché di Macerata, Centofoglie di Amandola, Eidos di Arcevia, Forestalp di Ancona, Humus di Castel di Lama, Icaro Blu di Serra S. Quirico, Idrea di Cupramarittima, Isairon di Pesaro, La Macina di Acqualagna, Oikos di Offida) la cui localizzazione permette di soddisfare le esigenze delle varie zone del territorio regionale con soluzioni diversificate. L' idea di fondo che ha guidato la costituzione del Consorzio è quella dell'integrazione di competenze, d'interessi e di professionalità, per progettare e promuovere iniziative volte a valorizzare i beni storico-culturali e le caratteristiche ambientali-paesaggistiche del territorio, superando la divisione fra turismo, cultura e ambiente.
 
Nel 1998 il consorzio stampigliò per primo il marchio “Marche museo diffuso” sui biglietti della rete museale della Comunità Montana di San Severino Marche, nella convinzione che fosse possibile portare un visitatore a vedere il quadro del ‘600 “la battaglia di San Ginesio” e subito dopo portarlo a visitare i luoghi che fanno da sfondo al quadro, gustando i prodotti enogastronomici locali. A tale scopo il consorzio ha cercato di incentivare i Comuni ad appalti Multiservice per quanto riguardava la gestione dell’Ufficio Informazioni, dell’Ufficio Turistico, degli eventuali centri di documentazione ambientale, ecc.. allo scopo di fornire un servizio integrato al visitatore e anche un nuovo prodotto turistico-culturale.
 
Nel 2001, il consorzio ha gestito i servizi di vigilanza, guida, bigliettazione del “Museo della Città”, per conto del Comune di Ancona, la rete museale della Comunità Montana di Fabriano e ha cogestito l’iniziativa “Musei da Scoprire” organizzata dall’Associazione Museale della Provincia di Ancona e, infine, il servizio di educazione ambientale nelle scuole per conto della Comunità Montana dei Monti Azzurri di San Ginesio.
 
E’ di un qualche interesse ripercorrere la storia di alcune di queste cooperative che hanno dato vita al consorzio. Forestalp, nacque nel 1984 come cooperativa forestale e successivamente si orientò verso l’attività di turismo ed educazione ambientale. Nel 1990, allo scopo di fare lavorare tutto l’anno ai propri soci, cominciò a gestire un albergo a Lamoli, frazione di Borgo Pace, nel pescarese. Grazie allo sviluppo delle attività per le gite scolastiche, alla creazione di un museo all’interno del parco dedicato ai colori, l’albergo e le attività connesse hanno consentito di dare lavoro in modo stabile a 20 persone, che diventano 40 nei mesi estivi.
 
Nella provincia di Pesaro e Urbino attività analoghe a quelle della Forestalp vengono svolte su tutto il territorio appenninico dalla cooperativa sociale La Macina. La Cooperativa Arché, composta da 16 soci, è stata costituita nell’Aprile del 1997 da un gruppo di giovani laureati e laureandi, allo scopo di operare nell’ambito della valorizzazione delle forze giovanili e del patrimonio culturale, ambientale, storico-artistico presenti sul territorio della provincia di Macerata.
 
La cooperativa OIKOS nacque a seguito della programmazione turistica e culturale denominata “Museo diffuso”, promossa dalla Regione Marche e dagli enti locali a partire dal 1999. Le iniziative svolte da Oikos si incentrarono nella valorizzazione, promozione e diffusione delle tradizioni culturali, storiche ed artistiche dell’entroterra Piceno (mercatini, mostre, ecc..) prendendo principalmente spunto dalla realtà che esprimeva la sede di appartenenza: il comune di Offida.
La Cooperativa Humus venne creata nel 1997 per iniziativa di 18 giovani di Castel di Lama, in provincia di Ascoli Piceno, con l’obiettivo di operare nei settori della cultura, della tutela ambientale, del turismo e dell’agricoltura sperimentale. Nel 2001 la cooperativa, oltre a portare avanti un progetto sperimentale per la coltivazione di canapa da fibra ad uso industriale, gestiva numerosi servizi (la Biblioteca Comunale di Castel di Lama, lo Sportello Informagiovani, la Biblioteca per ragazzi la Scuola elementare) e collaborava con l’Amministrazione Comunale all’allestimento e al ripristino del museo archeologico di cui avrebbe poi assunto la gestione.
 
Fonte:
Coop-time, Rivista di Legacoop Marche, luglio 2001


pagina per la stampa

HOMEPAGE IL CENTRO