home | centro di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale
via Mentana 2
40126 Bologna
Tel. 051.231313
Fax. 051.6561934
scrivici una mail
mail 
IL CENTRO PROGETTI RISORSE NEWS EDITORIA UNIVERSITA' LINK MAPPA

Home > Oltre i confini > Africa > Kenia

«

pagina precedente

 Kenia

Le cooperative in Kenya costituivano inizialmente un fenomeno proprio dei colonizzatori Europei, la cui prima manifestazione fu l’organizzazione dell’Associazione Agricoltori del Kenya nel 1919. Nel 1924 fu fondata la Federazione Cooperativa Casearia del Kenya e nel 1931 fu emanata la prima legislazione cooperativa. Pochi anni dopo, nel 1937, sorse la Federazione Cooperativa dei Coloni, che si collegò alla rete delle Cooperative Europee. Le prime società cooperative indigene Africane risalgono al 1945. Esse ebbero una crescita lenta negli anni precedenti all’Indipendenza, che si ottenne nel 1963 e che portò ad una definitiva “Africanizzazione” della struttura cooperativa. La Federazione Nazionale Cooperative del Kenya fu fondata nel 1964 seguita da una nuova legge cooperativa nel 1966, dalla nascita di un College Cooperativo nel 1967 e di una Banca Cooperativa nel 1968. Le risposte alle nuove opportunità economiche offerte da tali strutture cooperative portarono ad una rapida crescita del movimento, che a volte superava le reali capacità amministrative, ma comunque ci fu una crescita e una diversificazione. Le cooperative di credito, sorte nel 1965 ed incoraggiate da una commissione promozionale nel 1965, costituirono presto il secondo settore dopo quello agricolo. Nel 1963 si registravano 639 cooperative; alla fine del 1973 erano arrivate fino a 2.184 e contavano più di 620.000 soci. Anche se non privo di problemi e soggetto ad una forte supervisione da parte delle strutture burocratiche governative, il movimento cooperativo in Kenya ha continuato a crescere e diversificarsi, includendo i settori dei consumo, della pesca, di abitazione, di produzione lavoro e dei servizi pubblici. Nel 1994 l’Ufficio Regionale per l’Africa Orientale, Centrale e Meridionale ha riportato la presenza di 5.691 cooperative con un totale di 2.641.000 soci così diviso nei seguenti settori: agricolo—2.430/1.484.000; consumo—127/21.000; pesca—66/15.000; abitazione—227/47.000; bancario—2.470/1.027.000; produzione lavoro—86/31.000; altri settori—285/17.000. L’adesione cooperativa raggiungeva il 9,9% della popolazione. Nel 1996 l’ICA ha registrato un totale complessivo di soci di 2.700.430 (il 10% della popolazione).
 
Fonte:
Jack Shaffer, Historical Dictionary of the Cooperative Movement, The Scarecrow Press, Inc. Lanham, Md., & London 1999.


pagina per la stampa

HOMEPAGE IL CENTRO