home | centro di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale
via Mentana 2
40126 Bologna
Tel. 051.231313
Fax. 051.6561934
scrivici una mail
mail 
IL CENTRO PROGETTI RISORSE NEWS EDITORIA UNIVERSITA' LINK MAPPA

Home > Legislazione > Regionale > Trentino Alto Adige

«

pagina precedente

 TRENTINO ALTO ADIGE

Nell'ambito degli interventi di cui alla L.R. n.20 del 28/11/1993 "Costituzione di un fondo a favore del Mediocredito Trentino-Alto Adige S.p.a. per agevolare i finanziamenti diretti alla promozione e allo sviluppo della cooperazione", la Giunta regionale annualmente fissa l'importo massimo dei finanziamenti agevolati da erogare e il tasso di interesse da applicare ai medesimi (Deliberazione Giunta regionale 11 febbraio 2002, n.159). Con la legge regionale 20/93, il Trentino-Alto Adige ha istituito un fondo destinato in via prioritaria al finanziamento di società cooperative e loro consorzi ed associazioni, per iniziative dirette alla promozione ed allo sviluppo della cooperazione. In tema di vigilanza, la Regione Trentino-Alto Adige fa riferimento alla L.R. 29 gennaio 1954, n.7, modificata dal D.P.G.R. (Decreto del Presidente della Giunta Regionale) 2 marzo 1994, n.3/L. "Approvazione del testo coordinato delle leggi regionali concernenti norme in materia di vigilanza sulle cooperative nonché norme in materia di cooperazione e solidarietà sociale", con la quale vengono riconosciute anche organizzazioni con 70 imprese cooperative aderenti. Per quanto riguarda la cooperazione sociale, va rimarcato il fatto che in Trentino già con L.R. 24/1988 si prevedevano norme in materia di cooperazione di solidarietà sociale (la normativa di riferimento nazionale è la L.381/1991). A tal proposito si veda il D.P.G.R. 2 marzo 1994, n.3/L, "Approvazione del testo coordinato delle leggi regionali concernenti norme in materia di vigilanza sulle cooperative nonché norme in materia di cooperazione di solidarietà sociale". In materia di IRAP è necessario andare a vedere la normativa delle due province autonome. La Provincia Autonoma di Trento, tende ad incentivare lo sviluppo delle attività produttive appartenenti ai diversi settori economici. Uno strumento è la legge provinciale n.6 del 13/12/1999 ("Interventi della Provincia Autonoma di Trento per il sostegno dell'economia e della nuova imprenditorialità"). Tale legge sovvenziona numerose tipologie di investimento, tra cui la concessione di contributi ad imprese appartenenti ai settori dell'industria, del commercio, del turismo, dell'artigianato, anche organizzate in forma cooperativa, per la realizzazione di interventi volti all'avvio di attività sostitutive, al miglioramento delle condizioni di lavoro, all'incremento dei livelli occupazionali. La Provincia di Trento, rifacendosi alle modalità operative delle leggi di incentivazione a tutt'oggi operanti, ha deciso di dare attuazione alle singole azioni delle Misure del Docup 2000-2006; le azioni b), c), d) ed e) della Misura 1.1 sono infatti direttamente legate all'attuazione della legge provinciale n.6/1999. Per la Provincia autonoma di Trento facciamo poi riferimento alla legge provinciale n.1 del 19/02/2002 "Disposizioni in materia di IRAP dovuta dalle ONLUS". Per il periodo di imposta in corso alla data del 1° gennaio 2002, l'aliquota dell'imposta regionale sulle attività produttive (IRAP), è ridotta di un punto percentuale rispetto alla misura prevista per il medesimo periodo d'imposta dalla vigente normativa statale. La Provincia Autonoma di Bolzano, in riferimento alla legge provinciale n.4 del 13/02/1997 ("Interventi della Provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige per il sostegno dell'economia"), ha approvato le modalità di attuazione degli interventi per la promozione dell'imprenditoria femminile. Possono beneficiare dei contributi anche le società cooperative costituite in misura non inferiore al 60% da donne, che operino nei settori del turismo, dell'artigianato, dell'industria, del commercio e dei servizi. La struttura adottata nella redazione del DOCUP per le zone Obiettivo 2 e in Phasing out della Provincia Autonoma di Bolzano, si discosta dalle scelte operate da altre amministrazioni: beneficiari privilegiati dell'intervento, infatti, sono prevalentemente le istituzioni pubbliche o gli enti senza scopo di lucro, e solo in seconda battuta le imprese private.  L'obiettivo del documento che, data la natura agricola dei territori coinvolti promuove principalmente lo sviluppo sostenibile delle zone rurali, è quello di rafforzare un modello di sviluppo ecocompatibile, in grado di preservare il patrimonio culturale e naturale della provincia. Per la Provincia autonoma di Bolzano, la legge provinciale n.11 del 26/07/2002, stabilisce, ai sensi dell'articolo 21 del decreto legislativo 4 dicembre 1997 n. 460, l'esenzione dal pagamento dell'IRAP per soggetti individuati dall'articolo 10 del medesimo decreto a decorrere dall'1 gennaio 2003. La Gunta provinciale di Bolzano ha approvato, con la delibera n. 8 del 9 gennaio 2006, i criteri per la concessione delle agevolazioni per lo sviluppo dell’economia cooperativa previste dalla Legge provinciale n. 1/1993.

Testi di legge:
   


pagina per la stampa

HOMEPAGE IL CENTRO