Centro italiano di documentazione sulla cooperazione e l’economia sociale | Museo virtuale - Cile

Museo virtuale
della cooperazione

Cile

Il primo approccio al movimento cooperativo in Cile fu il tentativo da parte di Ramon Picarte a metà dell’800 di creare a Chillàn una comunità cooperativa basata sulle idee utopiche di Françoise Marie Charles Fourier. Questo primo tentativo si rivelò transitorio, ma gli sforzi successivi ebbero più successo portando alla formazione di cooperative di consumo e società di risparmio intorno al 1904. Organizzazioni simili furono intraprese in varie parti del paese e le cooperative assunsero uno stato ufficiale con l’emanazione della prima legge cooperativa nel 1924, seguita da una legislazione relativa alla cooperazione agricola nel 1929. Gli anni ’30 e ’40 videro una crescita graduale e continua e la formazione di cooperative di costruzione e per l’elettricità nelle zone rurali. Gli anni ’50 furono segnati da un generale consolidamento e dalla nascita delle federazioni nazionali per i settori specifici di cooperazione, il primo dei quali (1953) fu quello bancario. Negli anni ’60 emersero una serie di organizzazioni cooperative di supporto correlate all’educazione, alla formazione tecnica, alle riforme agrarie e alla promozione generale del movimento, che riflettevano la continua crescita dell’intera struttura cooperativa. Nel 1968 nacque una Confederazione nazionale delle Cooperative. Negli anni ’70 e ’80 le cooperative Cilene si trovarono nel mezzo dei tumulti politici e militari, con risvolti ideologici tipici della Guerra Fredda. Ad ogni modo una crescita ed una sperimentazione continuarono e le varie società, anche se scisse politicamente, portarono avanti il loro lavoro. L’Organizzazione delle Cooperative delle Americhe riportò nel 1991 la presenza di 1.960 società con 581.593 soci (il 4,3% della popolazione) così divisi nei seguenti settori: agricolo—425/33.924; consumo—70/88.747; pesca—46/1.494; abitazione—946/102.249; multifunzionali—9/6.022; bancario—105/159.754; produzione lavoro e servizi—236/97.219; altri settori—556/92.184.

 
Fonte:
Jack Shaffer, Historical Dictionary of the Cooperative Movement, The Scarecrow Press, Inc. Lanham, Md., & London 1999.

Sito internet:

Materiale stampato dal sito www.cooperazione.net
Questo materiale può essere liberamente distribuito e fotocopiato, citandone sempre la fonte:
© 2009 - 2018 | Centro Italiano di Documentazione sulla Cooperazione e l'Economia Sociale. Tutti i diritti riservati