Centro italiano di documentazione sulla cooperazione e l’economia sociale | Museo virtuale - Friuli Venezia Giulia

Museo virtuale
della cooperazione

Friuli Venezia Giulia

In tema di cooperazione, il Friuli Venezia Giulia, in quanto regione a statuto speciale, interviene anche sulla vigilanza. Sotto questo aspetto, la L.R. n.79 del 20/11/1982 "Vigilanza sulle cooperative e interventi per favorire l'associazionismo cooperativo" istituisce il registro regionale delle cooperative, la commissione regionale per la Cooperazione e le norme in tema di revisione; essa contiene inoltre interventi per favorire lo sviluppo delle iniziative associative e cooperative nella regione. Questa legge è stata modificata ed integrata dalla L.R. n.19 del 11/05/1993 (che ha ad oggetto l'elenco regionale delle società di revisione, l'osservatorio regionale della cooperazione, nonché il fondo mutualistico regionale per la promozione e lo sviluppo della cooperazione), dall'art.3 della L.R. n.23 del 4/07/1997 "Norme urgenti per la semplificazione dei procedimenti amministrativi, in materia di autonomie locali e di organizzazione dell'Amministrazione regionale" e dall'art.11, comma 5, L.R. n.13 del 15/05/2002. L.R. n.28 del 15/11/1999 "Norme urgenti per la semplificazione dei procedimenti in materia di lavoro, cooperazione ed artigianato". L'art.4 ci dice che al fine di promuovere e sostenere il settore della cooperazione, l'Amministrazione regionale assegna finanziamenti al "Consorzio regionale garanzia fidi - Società cooperativa a responsabilità limitata - Finanziaria regionale per la cooperazione (FIN.RE.CO.)"; i mezzi finanziari possono essere utilizzati per interventi quali concessioni di garanzie, finanziamento agevolato e apporto di capitale in forma di socio sovventore, contributi per servizi di consulenza e di assistenza tecnica. Per quanto riguarda la cooperazione sociale si fa riferimento alla L.R. n.7 del 7/02/1992 "Disciplina ed incentivazione in materia di cooperazione sociale", modificata ed integrata dalla L.R.n.19 del 11/05/1993 e dalla L.R. n.23 del 4/07/1997. Con la L.R. n.23 del 23/08/2002 "Assestamento del bilancio 2002 e del bilancio pluriennale 2002-2004 ai sensi dell'art.18 della L.R. n.7 del 16/4/1999", la Regione ha disposto l'esenzione del pagamento dell'IRAP per le ONLUS, comprese le cooperative sociali. Per il settore della pesca, attualmente non esiste una normativa regionale, fino all'anno scorso si è fatto riferimento allo SFOP, programma comunitario incentivo pesca, il quale ha esaurito i fondi. Il Docup della Regione Friuli-Venezia Giulia rappresenta un'importante strumento di sviluppo economico che si colloca in un panorama di interventi finanziari già ampio per le PMI. La necessità di agevolare lo sviluppo di alcune aree geografiche e di creare i presupposti per un insediamento ed uno sviluppo nelle aree montane sono i motivi di riferimento che si riscontrano negli assi 2 e 4. I principali strumenti sono orientati a favorire le piccole e medie imprese nelle fasi di start up, sviluppo, consolidamento economico e nell'utilizzo di nuove ed innovative metodologie di produzione. Sono previste misure integrate e specifiche per favorire i percorsi di neoimprenditorialità, l'imprenditorialità femminile e giovanile.

Testi di legge:

  • Regione Friuli Venezia Giulia 
  • Fonte: SERENA BITOSSI, FRANCESCA GIUSTI, Legislazione regionale in materia di cooperazione in Rivista della Cooperazione , n. 1, 2003 pp. 130 - 158.

Materiale stampato dal sito www.cooperazione.net
Questo materiale può essere liberamente distribuito e fotocopiato, citandone sempre la fonte:
© 2009 - 2018 | Centro Italiano di Documentazione sulla Cooperazione e l'Economia Sociale. Tutti i diritti riservati